DUNGEONS & DRAGONS

Avete familiarità con il concetto di minimalismo? Strumenti Tabellone, miniature, dadi anche poliedrici e manuali di gioco.

Regole base - 18907

Post navigation

Ci si ritrova spesso privi di veri strumenti per far accadere qualcosa, insieme i giocatori che aspettano che il GM dica cose e il GM che aspetta che i giocatori facciano cose, ed è un peccato, perché sulla carta il gioco sembrava importante. Sono le regole a sancire questa divisione di competenze. Chi si cela dietro la maschera del Professor Destino? Scopo Lo scopo di ogni avvenimento è indicato nel manuale della stessa oppure dal Dungeon Master. Strumenti Albo, miniature, dadi anche poliedrici e manuali di gioco. Sugli oggetti magici hanno anche detto che saranno speciali, insieme poche eccezioni tipo le pozioni di cura. Certo, potremmo decidere di ignorare gli apporti degli altri, ma escludendo un base concreta su cui farlo lo spazio immaginato condiviso, beh, smetterebbe di essere condiviso. Ci sono giochi che tendono a non specificare notevole chi deve dire cosa e quando.

Approfondimenti

Avete familiarità con il concetto di minimalismo? Ovviamente, tutti i giochi che lo fanno non si mettono a scrivere: "il giocatore A ha autorità sulla situazione", ma fanno passare gli stessi concetti in maniera più indiretta e rilassata, magari scrivendo: "se spendi tale punti puoi aggiungere questo e quest'altro" o cose simili. Hanno detto, bensм bisognerà poi vedere alla prova dei fatti, che si potrà giocare nello stesso gruppo sia con le regole Base, sia con quelle Standard, come con quelle Avanzate es. In questi casi le possibilità sono due: oppure il gruppo di gioco aggiusta l'errore direttamente giocando, oppure la partita risulta fiacca e faticosa. Un bel villetta, eh? Ogni gioco che funziona, letteralmente. Quante ore sono passate da quando abbiamo lasciato Neverwinter?

Polaris Un esempio ancora migliore, a mio avviso, è Polaris. Ogni giocatore crea un personaggio, che è il adatto personaggio giocante, su cui ha alluvione autorità e di cui è il Cuore, e designa gli altri giocatori al tavolo come Errore e lune, in base alla posizione in cui sono seduti rispetto a lui. Ove arriviamo ci sono degli orchi? Per essere ordinata, coerente e andare verso una direzione precisa, una conversazione ha bisogno di regole, altrimenti deraglia altrimenti si conclude in malo modo. Quelle senza le quali il gioco di ruolo semplicemente non funzionerebbe. Lo conosci, chi è? Questo permette di indirizzare la narrazione verso le coordinate desiderate. Facciamo finta che le regole per gestire la conversazione non esistano.

Comment:

Leave a Reply

Your email address will not be published.*